Pallavolo serie B1/F: la Piccini Paolo spa riprende la sua marcia e passa per 3-0 ad Ancona in poco piu’ di un’ora

CONERO EUROSPED NUMANA BLU ANCONA – PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO 0-3

(18-25, 18-25, 14-25)

CONERO EUROSPED NUMANA BLU ANCONA: Alessandrini 9, Vescovi 1, Penna, Giuliodori 9, Canonico 4, Bellucci 2, Amadio, Rapisarda, Brutti (L) ricez. 44%, Giombini 6. Non entrate: Marcelletti, Malatesta, Pettinari. All. Nicola Bacaloni.

PICCINI PAOLO SPA SAN GIUSTINO: Betti, Borelli 7, Galetti (L) ricez. 64%, Mearini 9, Silotto 9, Leonardi, Tosti 13, Romani 11, Giordano 5. Non entrata: Mezzasoma. All. Marco Gobbini e Claudio Nardi.

Arbitri: Stefano Bosio e Alessandro Falavigna di Modena.

ANCONA: battute sbagliate 9, ace 2, muri 2, ricezione 54% (perfetta 25%), attacco 29%, errori 25.

SAN GIUSTINO: battute sbagliate 6, ace 7, muri 4, ricezione 56% (perfetta 23%), attacco 43%, errori 15.

Durata set: 23’, 21’ e 20’, per un totale di un’ora e 4’.

Vittoria a tempo quasi di record (3-0 in un’ora e 4 minuti) per la Piccini Paolo spa al PalaSabbatini di Ancona nella 20esima giornata del campionato di Serie B1, girone C. Contro la Conero Eurosped Numana Blu, le nerofucsia hanno semplicemente ritrovato loro stesse e in campo si è così rivista la vera veste della squadra, vogliosa di scrollarsi subito di dosso il piccolo fardello della partita interna risolta al tie-break contro il Moie. Tre punti che permettono a San Giustino di superare quota 40 punti in classifica, di mantenere la quarta posizione e soprattutto di continuare a coltivare il sogno play-off. Una prestazione omogenea sia sul piano del ritrovato gioco, sia per ciò che riguarda le singole atlete, fra le quali nessuna si è elevata per dati particolari proprio perché a funzionare è stato in primis il collettivo guidato dai coach Gobbini e Nardi, che in attacco ha chiuso con un rimarchevole 43%. Miglior realizzatrice è stata capitan Silvia Tosti con 13 punti (e un eccellente 82% in ricezione), mentre fra le padrone di casa non vi sono giocatrici in doppia cifra di realizzazione: l’opposto Erika Alessandrini e la centrale Sara Giuliodori si sono fermate a 9.

Nicola Bacaloni, tecnico della Conero, schiera la diagonale Rapisarda-Alessandrini, al centro l’esperta Giuliodori assieme alla giovanissima Letizia Canonico (classe 2001), a lato la Bellucci e l’altrettanto promettente Nicol Giombini (2000) e libero la Brutti. Ferma Elisa Mezzasoma da oramai tre mesi esatti, Marco Gobbini ripropone Giordano in regia, Silotto opposto, Mearini e Borelli al centro, Tosti e Romani alla banda e Galetti libero. Sulla stessa falsariga l’andamento dei primi due set: equilibrio nei frangenti iniziali e poi allungo della Piccini Paolo nella fase centrale, grazie all’efficacia in battuta e in particolare al lavoro della difesa, se soltanto si pensa che la prolificità in contrattacco ha raggiunto il 40% contro il 29% delle locali. Nella prima frazione, Ancona ha contenuto a 3-4 punti il ritardo fino a quando San Giustino non è arrivato a quota 20, mentre nella seconda il divario era abbastanza netto (16-10) già a metà, anche se è terminata 25-18 in entrambe le circostanze. Nel terzo set, quando la Conero ha modificato la formazione con la palleggiatrice Amadio al posto della Rapisarda e la ex di turno, Gemma Vescovi, in luogo della Canonico al centro, la differenza si è delineata in misura ancora più netta praticamente fin dall’inizio, con la Piccini Paolo spa avanti 8-4, poi 13-9 e protagonista di un deciso allungo che ha portato al 25-14 di chiusura. Spazio anche per Stefania Betti nel secondo e nel terzo set e per Laila Leonardi nell’ultima frazione.

Quello contro Moie è stato evidentemente un capitolo a parte, se è vero che le ragazze hanno immediatamente reagito e risposto alla loro maniera, chiudendo la pratica in poco più di un’ora. L’approccio con la partita è stato quello giusto ed era ciò che volevo io, ma il gruppo mi aveva dato una eloquente dimostrazione anche durante gli allenamenti della settimana”. Marco Gobbini, allenatore della Piccini Paolo spa, ha dunque ritrovato la squadra e il suo standard di rendimento, per cui non può che essere soddisfatto: “Non abbiamo dovuto ricorrere a prodezze particolari – sottolinea il tecnico – perché quando imponiamo il nostro tipo di gioco, con le nostre prerogative, riusciamo poi a vincere e anche in tempi celeri. L’importante è ora continuare sulla linea che abbiamo ripreso, pensando solo ed esclusivamente al Quarrata, che è la prossima avversaria”.



Categorie:Pallavolo, San Giustino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: